Dōmaru tosei gusoku

Armatura da samurai di tipo dōmaru

Periodo Azuchi-Momoyama (1575 - 1615)

XVI secolo, restaurata nel 1796

 

Provenienza

Takekoshi Dochin (morto nel 1556)

Matsuoka Oshikasuke

Iscritta sotto un sode: 寛政癸戌春被属修理 / 竹腰道鎮公古甲 松岡牡鹿輔 + kao

 

Secondo un'etichetta cucita all'interno di uno dei sode, l'armatura fu riparata nel 1796. L'iscrizione è firmata da Matsuoka Oshikasuke, un erudito del clan Tokugawa residente a Nagoya, allievo di Motoori Norinaga.

Takekoshi Dochin, il cui nome è scritto da Oshikasuke sul cartiglio, era un comandante del periodo Sengoku, signore del castello di Ogaki a Mino. Morì nel 1556 durante la battaglia di Nagaragawa.

 

Certificato

L'armatura è accompagnata da un certificato di registrazione come Koshu Tokubetsu Kicho Shiryo (Oggetto d'armatura particolarmente importante) rilasciato dalla Nihon Katchu Bugu Kenkyu Hozon Kai (Società giapponese per la conservazione delle armature).

 

Descrizione

Interamente costruita in piccole piastre di pelle hon-kozane allacciate in pelle verde e blu, con le caratteristiche tipiche delle armature pre-Edo. 

L'elmo è un classico akoda-nari kabuto a 8 piastre, laccato nero e decorato con applicazioni dorate (fukurin, higaki, shinodare e hachimanza). 

Il completo originale del periodo Momoyama comprende un menpō (maschera) laccato rosso, sode (protezioni per le spalle), nodowa (protezione per il petto e la gola), (corazza) e haidate (paracosce). I kote (braccia) laccati di nero nello stile Yoshitsune e i suneate (schinieri) in ferro sono del periodo Edo.

 

Storia

In seguito ai tentativi di invasioni da parte dei mongoli nel XIV secolo, gli armaioli dovettero adattare le corazze alle nuove esigenze militari. Constatando che gli eserciti mongoli composti da falangi di fanteria erano decisamente più efficienti dei piccoli eserciti giapponesi a cavallo e che le loro armature leggere erano molto più efficaci nel combattimento a piedi, gli armaioli giapponesi decisero di aggiornare le loro tecniche costruttive. Le ō-yoroi vennero quindi modificate per essere indossate a piedi e non a cavallo, dando vita a due nuovi stili: dōmaru e haramaki, il primo aperto sotto l'ascella e il secondo sulla schiena. Pur essendo state create con tecniche analoghe a quelle utilizzate nelle armature medievali, ma con piastre più sottili, queste nuove armature erano molto più leggere e consentivano movimenti più agili.

 

Nr. Inventario: 1727

Vedi tutte le armature complete disponibili

Richiedi informazioni su questo prodotto

Compila il form sottostante ed invia la tua richiesta.
Sarai ricontattato al più presto.

 

Copyright © 2016 - giuseppe piva - Partita IVA:  05104180962