Otoke-dō tosei gusoku

Armatura da samurai del clan Wakisaka

Fine del periodo Momoyama

Fine del XVI secolo - inizio del XVII secolo 

Wakisaka Yasuharu (1554 - 1626) fu un daimyō dell'isola di Awaji che combatté sotto diversi signori della guerra durante il periodo Sengoku. Inizialmente Wakisaka servì sotto Akechi Mitsuhide, un vassallo di Oda Nobunaga, ma dopo che Akechi tradì Oda Nobunaga e fu sconfitto nella Battaglia di Yamazaki, Wakisaka si unì al vincitore, Toyotomi Hideyoshi, che era diventato una figura di spicco come consigliere di Oda Nobunaga. Dopo la battaglia di Shizugatake del 1583, Wakisaka divenne uno dei generali più fidati di Hideyoshi e nel 1585 gli fu assegnato il feudo di 30.000 koku dell'isola di Awaji. Wakisaka fu anche nominato comandante di una divisione della flotta di Hideyoshi e partecipò alla campagna di Kyūshū nel 1587 e all'assedio di Odawara nel 1590, oltre che alle invasioni della Corea tra il 1592 e il 1598. Nel 1600, tuttavia, Wakisaka fu costretto ad opporsi a Tokugawa Ieyasu, schierandosi con Ishida Mitsunari, ma il 21 ottobre, durante la decisiva battaglia di Sekigahara, cambiò nuovamente schieramento e sconfisse le forze di Ōtani Yoshitsugu, contribuendo alla vittoria dei Tokugawa. Dopo la battaglia, Tokugawa concesse a Wakisaka di continuare a governare il suo dominio di Awaji e, negli anni successivi, gli fu assegnato un altro feudo, a Ozu, nella provincia di Iyo, del valore di 53.000 koku.

Dell'esercito di Wakisaka si conoscono solo poche armature simili, tutte con le stesse caratteristiche. Secondo quanto riportato, sono stati realizzati solo 18 esemplari di questa armatura, da utilizzare nelle battaglie di Shizugatake e Sekigahara. Nel complesso, l'armatura è rifinita con una lacca nera con un raro motivo ondulato, tracciato con un apposito pettine sulla lacca ancora umida, noto come nami-hakeme ("segni ondulati di pennello"). Grandi wachigai kamon (stemma di famiglia con due cerchi concatenati) laccati in oro sono posti sul lato del kabuto di tipo eboshi-nari a tre piastre (elmo da samurai a forma di copricapo da corte) e sulla piastra anteriore dell'otoke-dō (corazza liscia). La colorazione del kabuto può variare: alcuni sono tutti neri, mentre altri presentano una lacca marrone rossastra e/o alcune parti dorate, come questo. L'allacciatura è di tipo takuboku-uchi odoshi multicolore, con un intreccio di fili bianchi, verdi, viola e blu scuro, legati in stile sugake, mentre i sangu (le tre protezioni per le braccia e le gambe) sono in stile shino/ita, foderati con broccato giallo e oro raffigurante peonie tra fogliame in scorrimento.

Queste armature furono prodotte per il clan Wakisaka probabilmente prima della battaglia di Sekigahara e solo pochi esemplari sopravvivono oggi.

 

Nr. Inventario: 1796

Vedi tutte le armature complete disponibili

Richiedi informazioni su questo prodotto

Compila il form sottostante ed invia la tua richiesta.
Sarai ricontattato al più presto.

 

Copyright © 2016 - giuseppe piva - Partita IVA:  05104180962

 

Contact US