Armature dei samurai: una guida per collezionisti ai sette aspetti più importanti

13 Settembre 2022

Quando si parla di collezionismo, le armature dei samurai comprendono molti tipi diversi di armature dei periodi Muromachi, Momoyama e Edo (1400-1868). Le variabili più importanti per stabilire il valore di un pezzo sono la qualità, le condizioni, l'età e la provenienza. 

 

1. Conoscere i tipi di elmo più diffusi. 

L'elmo del samurai, il kabuto, è l'elemento più pregiato e costoso. Solo guardando il kabuto si può capire molto della qualità complessiva di un'armatura. Cambiare l'elmo di un esemplare simile dello stesso periodo può comportare una differenza di prezzo di decine di migliaia di euro. A chi era destinato il kabuto, a un guerriero semplice o a un ricco daimyo? Mette in mostra il talento dell’armaiolo, e magari include una firma, o sembra essere prodotto in serie? 

 

 

2. Scoprite come vengono realizzate le armature giapponesi. 

Ci sono alcuni componenti standard che si trovano nella maggior parte delle armature dei samurai. Individuare se alcuni componenti sono mancanti e se sono tutti coordinati, anziché associati, è fondamentale. 

Il valore di un'armatura da samurai può essere influenzato da aspetti quali l'epoca, lo stato di conservazione e il fatto che sia stata o meno alterata o restaurata, pertanto è importante sapere come l'armatura è stata originariamente realizzata. 

 

3. Ferro, non seta.

Il collezionismo inesperto si fa ammaliare dai colori sgargianti della legatura dell’armatura giapponese, un tratto caratteristico completamente assente nelle armature europee. Ma l’armaiolo lavora il ferro ed è lì che dobbiamo ricercare la qualità. I fabbri armaioli forgiavano, ribattevano e sbalzavano il ferro per creare armature belle ed efficaci allo stesso tempo. Se dovete guardare un’armatura per capirne la qualità, distogliete gli occhi dai colori e osservate come è lavorato il ferro.

4. Scoprire la ricca tradizione artistica delle armature samurai. 

Il Giappone è stato dominato dai samurai per secoli. Imparare a conoscere il passato del Giappone può aiutare ad approfondire l'evoluzione delle armature giapponesi e i diversi ruoli che hanno ricoperto nel corso delle varie epoche. Ad esempio, lo scopo principale delle armature del Sengoku Jidai (il periodo degli Stati Combattenti) era quello di proteggere i samurai dalle ferite o dalla morte in combattimento, quindi la loro costruzione e il loro aspetto possono sembrare semplici. Dopo l'unificazione del Giappone nel 1600, gli armaioli si ispirarono invece ai modelli classici e le armature decorate in modo elaborato e appariscente divennero un importante status symbol. 

 

5. La provenienza è importante (o no?) 

Le armature sono solitamente provviste di uno stemma di famiglia (kamon) e molti collezionisti e commercianti sono ben felici di poter indicare senza problemi la famiglia di appartenenza. Purtroppo, però, non è così semplice. Esiste solo una minima parte di kamon utilizzati esclusivamente da un singolo clan, ma è assai probabile che uno stemma comune sia stato adottato e utilizzato da diverse famiglie non imparentate tra loro. Le armature con una storia documentata di proprietà sono incredibilmente rare, ma non impossibili da trovare. In genere sono documentate come proprietà di daimyo della metà e della fine del periodo Edo. Tuttavia, la maggior parte delle armature dei samurai è di origine sconosciuta e deve essere valutata in base alle proprie peculiarità. 

6. Certificati e certificazioni

Secondo una centenaria tradizione giapponese, anche le armature sono spesso accompagnate da una certificazione che ne stabilisce l’autenticità e il valore qualitativo, secondo un sistema gerarchico di classificazione. È sicuramente una cosa positiva ma va ricordato che la maggior parte dei collezionisti non se ne cura e armature di incredibile qualità ne sono spesso sprovviste. È importante poi verificare qual è l’ente che ha emesso tale certificazione, poiché ci sono minuscole associazioni che emettono certificati molto belli da vedere ma senza alcun valore sul mercato del collezionismo.

7. Collezionare ciò che si ama 

In fin dei conti, siete voi a doverlo apprezzare l'armatura, indipendentemente dal fatto che il suo valore aumenti o diminuisca, che i vostri figli lo ereditino o meno, o che sia significativo o meno nella storia dell'arte. 

Se non avete i soldi per entrare nel mercato ai massimi livelli di prezzo, ci sono ancora molte opzioni. Un'armatura classica prodotta per un samurai di basso rango può raggiungere un prezzo di circa 20.000 dollari, rispetto ai 200.000 dollari di quella di un ricco daimyo. In definitiva, però, la cosa più importante è che il collezionismo vi appassioni e vi diverta.

Title h1: 
Armature dei samurai: una guida per collezionisti ai sette aspetti più importanti
indietro

Copyright © 2016 - giuseppe piva - Partita IVA:  05104180962